Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
19 febbraio 2018
In Universale Economica

1958

Un nuovo successo di grandi proporzioni si affianca a quello dello Zivago. Il Gattopardo, romanzo postumo di un pressoché sconosciuto scrittore, siciliano, l'aristocratico Giuseppe Tomasi di Lampedusa, è pubblicato dalla Feltrinelli alla fine del 1958, su convinto suggerimento di Giorgio Bassani che lo propone per la "Biblioteca di letteratura" da lui diretta, dopo che molti importanti editori avevano rifiutato il manoscritto.



Il Gattopardo, vincitore del Premio Strega l'anno successivo, sarà tradotto in decine di lingue e portato sullo schermo (1962) da Luchino Visconti in un film memorabile, protagonista Burt Lancaster.





La produzione, nel quarto anno di attività, si assesta oltre le cinquanta novità. Nuovi autori vengono acquisiti, tra i quali Miguel Angel Asturias (a sinistra), il primo dei grandi narratori latinoamericani pubblicati da Feltrinelli (L'Uomo della Provvidenza. Il Signor Presidente) e vincitore del Nobel nel 1967, Giovanni Testori e Oreste del Buono. Di Pasternak esce Autobiografia e nuovi versi. Sempre seguiti i temi storico-politici d'attualità: di Imre Nagy, fucilato nell'Urss in questo stesso anno, si pubblicano gli Scritti politici. Inaugurata con i Quaderni filosofici di Lenin la collana "Il pensiero socialista".