Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
3 dicembre 2021
In Universale Economica
anteprima
copertina
Il tempo di Blanca

Traduzione: Simona  Geroldi
Collana: Universale Economica
Pagine: 224
Prezzo: Euro 7,5
Compra su lafeltrinelli.it
Compra l'ebook - Pdf
Compra l'ebook - Epub
In breve
Una storia che è un invito a non rimandare, a dire tutte le parole che nascono dentro, a non lesinare amore, a non condannarsi alla solitudine e al silenzio solo perché il proprio mondo interiore è l'universo intero, incomunicabile ai più.
Il libro
Blanca, madre e moglie appagata, conduce un'esistenza ovattata e fuori della realtà nella Sanatiago del Cile del dopo dittatura. All'improvviso alcuni eventi dirompenti vengono a sconvolgere la linearità della sua vita: l'incontro con persone di un diverso ceto sociale, l'amore per un ex perseguitato politico, la scoperta dell'ipocrisia e della vacuità del mondo cui appartiene. Un terremoto esistenziale, un bivio obbligato: è il momento delle scelte. Blanca vorrebbe gridare, vorrebbe dirlo che non ci sta più, ma un'improvvisa, quasi metaforica malattia la rende incapace di comunicare. perde la parola proprio quando una nuova coscienza del mondo le chiede di parlare. La prigione del silenzio diventa tuttavia la premessa di una rinascita, di un'altra storia, di un'altra verità. Dopo un primo istante di smarrimento e disperazione, Blanca sceglie la vita e inventa un nuovo linguaggio, quello degli occhi, con i quali racconta la propria storia, i ricordi, i sentimenti e i rimpianti.
Approfondimento
Dopo il carosello sentimentale di voci femminili in Noi che ci vogliamo così bene, Marcela Serrano torna con un romanzo per voce sola ambientato a Santiago del Cile dopo la dittatura. Blanca è una donna di ottima famiglia che fino al giro di boa dei quarant'anni ha sempre vissuto in un mondo protetto e lontano dalla realtà, in una casa-fortezza con madre, fratelli, sorelle, marito e figli. Fino a quando alcuni eventi vengono a sconvolgere la linearità della sua esistenza.Quanto può essere ipocrita e vuoto l'ambiente di origine? Un terremoto esistenziale, un bivio obbligato: è il momento delle scelte. Ma il grido di Blanca non si può levare: un'improvvisa, quasi metaforica malattia – l'afasia – la rende incapace di comunicare con l'esterno. E allora sprofonda davvero in un mondo a parte, un mondo "bianco" popolato di ricordi, sensazioni e frustrazioni. Dopo il primo smarrimento, però, Blanca si decide per la vita e inventa un nuovo linguaggio, quello degli occhi, "e con questi occhi racconterò la mia storia." La storia di una donna, per donne, creature condannate alla solitudine e al silenzio, perché il mondo che hanno dentro è l'universo intero, incomunicabile ai più. Una storia da leggere come un invito a chi è ancora in tempo a non rimandare, a dire tutte le parole che nascono dentro, a non lesinare amore.
 Vai alla collana: I Narratori
 Suggerisci il libro
      a un amico