Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
20 gennaio 2022
In Universale Economica
anteprima
copertina
Odile

Collana: Universale Economica
Prezzo: Euro 5,16
Il libro
Scritto nel 1937, a trasparente contenuto autobiografico, "Odile" è una straordinaria, vivacissima presa in giro del gruppo surrealista e del suo capo, e insieme una risposta alla "Nadja" di Breton e alla sua visione irrazionalistica e romantica della femminilità. Il ritratto feroce di Breton (riconoscibile nel personaggio di Anglarès) e dei suoi accoliti trova posto tra le pagine più impietose e godibili, spiritose e rivelatrici che siano state scritte sull'avventura intellettuale e umana delle avanguardie 'storiche'. La satira si accompagna però al distacco ironico: qui, come in tutta la sua opera, Queneau guarda dibattersi, nelle pieghe dell'immobile quotidianità o della Storia, personaggi mediocri e patetici tra i quali, in definitiva, sembra collocare anche se stesso. Apparentemente sullo sfondo, in realtà perno del romanzo, Odile è la donna che mette a confronto Travy (il personaggio in cui si può riconoscere Queneau) con la sua indifferenza, con la sua non scelta, con la sua paura dei sentimenti. Nella borghese Odile, che si lascia vivere come Travy, ci sono tuttavia una saldezza e una concretezza morale, un'autenticità che la rendono viva e positiva. E' attraverso lei che Travy si definisce infine rispetto all'altro, persona e umanità, dopo aver scoperto quanto la sua posizione sia fatta di orgoglio e di isolamento, quanto deviante sia per la sua ricerca la vaga fascinazione surrealista.
 Suggerisci il libro
      a un amico