Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
27 maggio 2018
In Universale Economica
anteprima
copertina
Cristo con il fucile in spalla

Traduzione: Vera  Verdiani
Collana: I Narratori
Pagine: 192
Prezzo: Euro 15
Compra su lafeltrinelli.it
Compra l'ebook - Pdf
Compra l'ebook - Epub
In breve
Kapuściński ha dedicato dieci reportage ai giovani ribelli dei paesi del Sud, oppressi da regimi disumani e assassini. Questi lavori sono stati riuniti in un volume che il maestro dei reporter intitolò Cristo con il fucile in spalla. Feltrinelli li pubblica ora per la prima volta in Italia. Un'opera chiave della sua produzione.
Il libro
Il titolo di questa raccolta di reportage sui movimenti rivoluzionari a cavallo tra la fine degli anni sessanta e settanta richiama la figura del sacerdote colombiano vissuto tra i contadini dell'America Latina e che, in sottana e con il fucile in spalla, andò a combattere in un reparto partigiano in Colombia, dove morì. Al centro del libro, il tema del sacrificio e la lotta dell'essere umano per la dignità, la figura del ribelle dotato di una ferma convinzione etica.
Uscito per la prima volta nel 1975, Cristo con il fucile in spalla fu subito acclamato come il libro dell'anno e continuamente ripubblicato. Mai apparso in Italia, fa conoscere gli inediti punti di vista di Kapuściński, soprattutto noto per i suoi reportage africani, su altre parti del mondo, altre genti, altre tragedie. Sono reportage dal Medio Oriente, dall'Africa Orientale e dall'America Latina, di cui sono protagonisti palestinesi, siriani, libanesi, giordani, ebrei, i partigiani del Mozambico e del Salvador, l'ambasciatore della Repubblica Federale Tedesca in Guatemala Karl von Spreti e, infine, il presidente Salvador Allende e il rivoluzionario Che Guevara, di cui nel 1969 Kapuściński aveva tradotto in polacco e pubblicato il Diario dalla Bolivia. Cristo con il fucile in spalla è un'opera chiave del maestro polacco del reportage perché è uno sguardo inedito e ancora di grande attualità, ma anche perché permette di comprendere la sua visione del mondo, la sua sensibilità sociale e la sua empatia come metodo e attitudine. Infine, perché tradisce un sincero entusiasmo di Kapuściński per le rivoluzioni e le guerriglie di quegli anni.

Leggi l'estratto
 I lettori su Kapuscinski
 Vai alla collana: Universale Economica
 Suggerisci il libro
      a un amico
  Manda la cartolina