Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
24 gennaio 2022
In Universale Economica
anteprima
copertina
New York Blues

Traduzione: Delfina  Vezzoli
Contributi: Goffredo  Fofi
                 Francis M.  Nevins
Collana: I Canguri
Pagine: 264
Prezzo: Euro 13,5
Compra su lafeltrinelli.it
In breve
Per il centenario della nascita di Cornell Woolrich, il suo biografo Francis M. Nevins ha messo insieme una fondamentale raccolta di racconti tratti dalle riviste pulp degli anni ‘40. New York Blues è il primo di due volumi.
Il libro
Per festeggiare i cento anni della nascita di Woolrich, Francis M. Nevins ha raccolto in un volume quattordici racconti editi su riviste pulp (“Detective Fiction Weekly”, “Pocket Detective”, “Argosy”, “Dime Detective”, “Black Mask”, “Baffling Detective Stories”). I primi tredici furono pubblicati tra il 1936 e il 1943. Il quattordicesimo, New York Blues, che dà il titolo al primo volume, ha una storia diversa. Uscì postumo nel 1970 sulla “Ellery Queen’s Mystery Magazine” e fu probabilmente l’ultimo dei suoi racconti. È uno splendido compendio, un epitaffio che racchiude in poche pagine tutti i motivi della fiction di Woolrich: virtuosismo stilistico, forza evocativa, dominio della solitudine, struggimento per amori impossibili, follia, disperazione e morte, ovvero, tutti i colori del buio. Gli altri racconti appartengono al periodo più fecondo dell’autore, quello in cui lavorava e produceva così tanto da doversi inventare due pseudonimi (William Irish e George Hopley) per poter pubblicare tutto ciò che usciva dalla sua macchina da scrivere. È questo il periodo in cui Woolrich, dopo tanti tentativi, abbandona il romanzo tradizionale per dedicarsi anima e corpo al giallo. Con il successo, anche la radio, la tv e il cinema si ispirano alle sue storie: tra il 1942 e il 1950 escono quindici film tratti dalle sue opere. In seguito, registi famosi come Truffaut, Siodmak, Tournier e Hitchcock porteranno sul grande schermo e al grande pubblico le sue ossessioni in opere di culto come La finestra sul cortile, La sposa in nero o La mia droga si chiama Julie.
Approfondimento
“Cornell Woolrich può distillare più terrore, più eccitazione, più suspense dagli eventi comuni meglio di chiunque altro.”
Ellery Queen

“È stato il Poe del ventesimo secolo e il poeta delle sue ombre. È stato l’Hitchcock della scrittura.”
Francis M. Nevins

Leggi l'estratto

 Recensioni
 Vai alla collana: Universale Economica Noir
 Suggerisci il libro
      a un amico
  Manda la cartolina