Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
3 dicembre 2021
In Universale Economica
anteprima
copertina
Infiniti peccati

Traduzione: Vincenzo  Mantovani
Collana: Universale Economica
Pagine: 272
Prezzo: Euro 8
Compra su lafeltrinelli.it
In breve
Dieci racconti, infinitamente densi e ricchi nella forma, ma tutti su un unico, grandissimo tema: l’amore e i drammi, piccoli e grandi, provocati dalla nostra inettitudine ad aver cura di questo sentimento.
Il libro
L’uomo è condannato alla solitudine? Leggendo Ford sembra proprio di sì, con tutte le mogli e i mariti separati che si incontrano nei suoi libri. I più saggi sembrano essere spesso i ragazzi, i figli di queste coppie, adolescenti malinconici che, abbandonati a se stessi, si organizzano, si danno da fare, cercano di tenere in piedi la baracca e osservano i disastri degli adulti con uno sguardo freddo e crudele. Gli “infiniti peccati” sono generati dalla nostra incapacità di essere fedeli, affettuosi, sinceri, pazienti, onesti, appassionati, di essere veramente attenti e vicini alle persone che desideriamo o a quelle che dovremmo semplicemente amare. E, fra i tanti peccati, sembra spiccarne uno che, in fondo, non è neppure una consapevole colpa: la piccolezza del nostro essere uomini davanti a un sentimento così grande come l’amore, la meschinità della nostra vita reale rispetto ai sogni che la ispirano, l’avarizia, la grettezza e la miseria dei nostri rapporti con gli altri. Non siamo capaci di stare insieme, dice Ford. Il nostro interesse è superficiale, le nostre motivazioni sono spesso ridicole; incostanza e tradimento dominano le nostre relazioni e la vita in comune è così fragile che basta alterare un piccolo dettaglio per cambiare tutto. Dieci racconti, infinitamente densi e ricchi, sull’amore e i drammi provocati dalla nostra inettitudine ad aver cura di questo sentimento.

“Mentre andavano a cena dai Nicholson – per la prima volta dopo qualche tempo – Marjorie Reeves disse a suo marito Steven Reeves che l’anno precedente aveva avuto una storia con George Nicholson (il padrone di casa), ma che ormai era tutto finito e sperava che lui – Steven – non si arrabbiasse troppo e riuscisse a metterci una pietra sopra.”

Leggi l'estratto

 Recensioni
 Vai alla collana: I Narratori
  Peccati, adulteri e... intervista a Richard Ford

  Elenco completo
 Suggerisci il libro
      a un amico
  Manda la cartolina