Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
20 gennaio 2022
In Universale Economica
anteprima
copertina
Oro rapace

Traduzione: Mimma  De Petra
Collana: Universale Economica
Pagine: 352
Prezzo: Euro 8
Compra su lafeltrinelli.it
In breve
“Miri Yu è esplicita e incline agli effetti forti, come se scrivesse il copione di un film di orrore e paura dove però tutti sono senza colpa, tutti sono innocenti, non perché siano buoni ma perché non sanno, non capiscono in che razza di mondo stanno vivendo.”
Renata Pisu
Il libro
Equivoci locali da gioco, giovani che si prostituiscono, famiglie spaccate, relazioni difficilissime: nella recente narrativa giapponese il quadro del Giappone di Yu Miri è tra i meno consolatori. Kazuki ha quattordici anni. E' figlio di un facoltoso proprietario di pachinko (un gioco simile al flipper) e cresce senza che nessuno si occupi di lui. La madre ha abbandonato la famiglia; il padre non è in grado di sviluppare affetti, il denaro è l'unico suo interesse. I fratelli, entrambi più grandi di lui, non gli sono d'aiuto: Koki soffre di una malattia che ne ha arrestato la crescita mentale e Miho, diciassette anni, trascorre la maggior parte del suo tempo a prostituirsi in cambio dei soldi per fare lo shopping. Anche con i suoi amici Kazuki riproduce lo stesso schema che crede domini la vita degli adulti: nessuno scambio di affetti, soltanto legami di potere. Così si avvolge sempre di più su se stesso e confonde la sua vita con quella virtuale dei video - giochi in cui tutto si risolve nel end - game. Il rapporto con il padre precipita. Durante una lite lo uccide e ne nasconde il cadavere. Kazuki perde ogni contatto con la realtà e la sua giovane esistenza va alla deriva. E' convinto che "tutte le cose si risolvono consultando i manuali", ma non riesce più a trovare le istruzioni per uscire dall'incubo. Con questo terribile apologo sull'adolescenza Yu Miri sembra vuole mettere in guardia la società contemporanea, non solo quella giapponese, dagli sviluppi imprevisti della tecnologia: la morale e la religione non riescono più a stare al passo. E alla generazione cresciuta nella realtà virtuale, dove il risultato di ogni azione è sempre chiaro e certo, nessuno è più in grado di indicare l'ambigua linea di confine tra il bene e il male.
Approfondimento
Kazuki ha quattordici anni. È figlio di un facoltoso proprietario di pachinko (un gioco simile al flipper) e cresce senza che nessuno si occupi di lui. La madre ha abbandonato la famiglia; il padre non è in grado di sviluppare affetti, il denaro è l’unico suo interesse. I fratelli, entrambi più grandi di lui, non gli sono di aiuto: Koki soffre di una malattia che ne ha arrestato la crescita mentale e Miho, diciassette anni, trascorre la maggior parte del suo tempo a prostituirsi in cambio dei soldi per fare lo shopping. Anche con i suoi amici Kazuki riproduce lo stesso schema che crede domini la vita degli adulti: nessuno scambio di affetti, soltanto legami di potere. Così si avvolge sempre di più su se stesso e confonde la sua vita con quella virtuale dei videogiochi in cui tutto si risolve nel game-end. Il rapporto con il padre precipita. Kazuki perde ogni contatto con la realtà e la sua giovane esistenza va alla deriva. È convinto che “tutte le cose si risolvono consultando i manuali”, ma non riesce più a trovare le istruzioni per uscire dall’incubo. Con questo terribile apologo sull’adolescenza Yu Miri sembra voler mettere in guardia la società contemporanea, non solo quella giapponese, dagli sviluppi imprevisti della tecnologia: la morale e la religione non riescono più a stare al passo. E alla generazione cresciuta nella realtà virtuale, dove il risultato di ogni azione è sempre chiaro e certo, nessuno è più in grado di indicare l’ambigua linea di confine tra il bene e il male.

Leggi l'estratto
 Vai alla collana: I Canguri
 Suggerisci il libro
      a un amico
  Manda la cartolina