Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
20 gennaio 2022
In Universale Economica
anteprima
copertina
Tredici volte Lenin
Per sovvertire il fallimento del presente

Traduzione: Federico  Rahola
Collana: Campi del sapere
Pagine: 172
Prezzo: Euro 17,5
Compra su lafeltrinelli.it
In breve
In tredici brevi capitoli, l’opera di Lenin viene messa a confronto con i problemi politici aperti dal capitalismo globale e fatta dialogare con i protagonisti del dibattito filosofico contemporaneo. Una provocazione ragionata contro la mancanza di iniziativa e acume politico odierna: tornare a Lenin, non per ripetere ciò che ha fatto, ma per parlare delle opportunità perdute.
Il libro
Oggi la figura di Lenin sembra appartenere a una dimensione temporale irrimediabilmente datata, a un’epoca che non ha più nulla in comune con il nostro presente. Al contrario, ci si dovrebbe chiedere se questa siderale distanza che percepiamo con l’opera del dirigente rivoluzionario russo non sia il sintomo che c’è qualcosa di fondamentalmente sbagliato nella nostra epoca e se questa sua mancanza di "sincronia" con i nostri giorni non nasconda in realtà una mancanza di "sincronizzazione" della nostra epoca, testimoniando che un’importante dimensione storica sta scomparendo dalla nostra vista. Questo libro è sicuramente il tentativo più originale riscontrabile nei dibattiti contemporanei di riparlare di Lenin evitando le due alternative tra le quali sembra collocato: le retoriche politiche socialdemocratiche e dei diritti umani da una parte, il destino del Gulag quale esito di ogni politica comunista dall’altra. Per Zižek si tratta invece di capire se il Lenin che teorizzava l’azzardo di ogni politica rivoluzionaria e il ritorno alla riflessione teorica non abbia ancora molto da dirci su un capitalismo che si presenta con il volto della massima libertà per spogliare di ogni autentica libertà e che, fagocitando tutto ciò che potrebbe metterlo in crisi, trasforma ogni attacco alla sua stabilità in opportunità per ridefinirsi.

Leggi l'estratto
- Slavoj Zizek
- Giulietto Chiesa
- Remo Bodei
- Hannah Arendt
 Suggerisci il libro
      a un amico
  Manda la cartolina