Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
19 gennaio 2022
In Universale Economica
anteprima
copertina
Giustizia come equità
Una riformulazione

Cura: Erin  Kelly
        Salvatore  Veca
Traduzione: Gianlazzaro  Rigamonti
Collana: Campi del sapere
Pagine: 264
Prezzo: Euro 28
Compra su lafeltrinelli.it
Compra l'ebook - Pdf
Compra l'ebook - Epub
In breve
La teoria della giustizia come equità nella sua formulazione definitiva. La rivendicazione di un ideale per cui vale la pena battersi. Un vocabolario di legittime pretese nei confronti dei governi. Pensare la giustizia per le generazioni future.
Il libro

A trent’anni dalla pubblicazione di Una teoria della giustizia, forse il libro più importante, influente e discusso in ambito filosofico di questi tre decenni, John Rawls presenta la versione definitiva della sua teoria, in un’esposizione insieme più accessibile e rifinita. Giustizia come equità è, come scrive Salvatore Veca nella sua Nota introduttiva, "il frutto maturo della lunga e tenace ricerca filosofica di Rawls che dalla metà degli anni Settanta alla fine del secolo appena concluso si è impegnato puntigliosamente nel riformulare ed esplicitare aspetti importanti della teoria della giustizia, rispondendo ai suoi critici e rivedendo in particolare alcuni errori presenti nella prima formulazione della teoria. La riformulazione della giustizia come equità mira in primo luogo a rendere coerente la teoria normativa e i suoi principi di giustizia per l’assetto delle istituzioni di base della società con la questione del pluralismo come tratto persistente delle società democratiche [...]. Ancora una volta la filosofia politica di Rawls, nella sua riformulazione, chiama in causa la responsabilità intellettuale di chiunque abbia a cuore la qualità della forma di vita democratica".

Approfondimento
Questo libro è nato dalle lezioni del corso di filosofia politica tenuto regolarmente da Rawls negli anni ottanta. Col tempo le lezioni sono diventate una nuova formulazione della sua teoria della giustizia come equità, riveduta alla luce dei saggi più recenti e di un nuovo trattato, Il liberalismo politico. Come scrive l’autore nella prefazione, questa riformulazione presenta "in un’unica sede un’esposizione del mio attuale modo di concepire la giustizia come equità che si rifà a tutti i miei precedenti lavori". Rawls propone un’ampia rassegna dei principali temi del suo pensiero, ma esplora anche questioni specifiche mai affrontate, prima d’ora, nei suoi scritti. Rawls si rende perfettamente conto che dai tempi della pubblicazione di Una teoria della giustizia (1971) la società si è allontanata dall’ideale della giustizia come equità; ma le sue idee conservano tutta la loro forza, nonché la loro pertinenza ai dibattiti di una società pluralistica sul significato e la vitalità teorica del liberismo. Questo libro è un esempio della chiarezza morale che può essere raggiunta anche quando l’impegno collettivo per la giustizia è incerto.

Leggi l'estratto
 Suggerisci il libro
      a un amico