Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
3 dicembre 2021
In Universale Economica
anteprima
copertina
L'albergo delle donne tristi

Traduzione: Simona  Geroldi
Collana: Universale Economica
Pagine: 280
Prezzo: Euro 7,5
Compra su lafeltrinelli.it
Compra l'ebook - Pdf
Compra l'ebook - Epub
In breve
Un albergo ai confini del mondo. Un rifugio dove si intrecciano le storie comuni di tante donne. Un luogo simbolico, in cui staccarsi dal proprio passato e risvegliarsi alle emozioni e alla vita.
Il libro
Un grande romanzo dedicato alle ombre dell'anima femminile. Una storia che si apre alla luce della confidenza, della complicità, della parola condivisa. Su un'isoletta dell'arcipelago di Chloé, nel Sud del Cile, sorge un insolito Albergo per donne in cerca di conforto. Ègestito da Elena, che ha lavorato per la Resistenza, è psichiatra e ha finalmente raggiunto una profonda tranquillità interiore. Da lei si rifugia una clientela di sole donne, talora famose, accomunate dalla tristezza, segnate dalle cicatrici del disamore. Possono soggiornare per tre mesi all'Albergo, che si staglia spettrale sullo sfondo di un promontorio affacciato sul mare, ai confini del mondo. Qui le clienti conoscono persone ugualmente vulnerabili, cui confidano i propri sogni irrealizzati, gli affetti ormai estranei, gli amori autolesionistici. Qui si intrecciano le storie comuni di tante donne. Qui sbarca anche Floreana che, complice la bellezza quasi primordiale del paesaggio, tenta di liberarsi del proprio passato, di risvegliarsi alle emozioni e alla vita, di riacquistare fiducia in sé. Ricompone i frammenti della propria esistenza e comincia a capire dove si trovano la sua vera patria e le sue radici.
Approfondimento
Con L'albergo delle donne tristi, l'autrice di Noi che ci vogliamo così bene e di Il tempo di Blanca torna a regalarci un denso e coraggioso ritratto corale del malessere femminile in questo scorcio di fine secolo. Attraverso l'esperienza della protagonista Floreana, Marcela Serrano ci introduce in un insolito rifugio per donne emotivamente ferite, situato in una piccola isola nel Sud del Cile. L'albergo è gestito da Elena, personaggio tanto più fiero e credibile quanto più porta incisi sul viso i segni di una guerra vinta con il dolore. Per un periodo di tre mesi, le ospiti dell'albergo hanno la possibilità di trovare conforto attraverso la conoscenza di persone affini per vulnerabilità, attraverso la confidenza o la tacita condivisione di ricordi irrisolti, lontano dal mondo dei giudizi e dei rimproveri, da mariti e figli sempre più estranei, da amori autolesionistici. In un paesaggio dalla bellezza quasi primordiale, Floreana tenta di fare tabula rasa del suo passato, di risolvere i nodi che le impediscono di guardare avanti con fiducia, di elaborare un lutto, di superare il proprio complesso di inferiorità insieme all'abbandono dell'uomo che amava. In questo difficile cammino, si rivelerà fatale la conoscenza dell'affascinante e impenetrabile Flavián, il medico dell'ospedale dell'isola, e di suo nipote, aspirante scrittore omosessuale. Grazie a loro, il romanzo si arricchisce della testimonianza di chi, dall'altra parte della barricata, è stato anch'esso travolto dai cambiamenti epocali nei rapporti tra i due sessi.
La varietà di casi umani che emerge dalla narrazione contiene ancora una volta il messaggio caro alla scrittrice: l'invito alla spontaneità, alla genuinità delle relazioni, alla sincerità anche a costo della sofferenza, a vivere mettendosi sempre in gioco piuttosto che anestetizzare i propri sentimenti o collezionare intenzioni non realizzate. Non è casuale che, alla fine, Floreana abbatterà con un impulsivo gesto di coraggio le proprie ferree autodifese scoprendosi pronta per un nuovo amore.

 Vai alla collana: Universale Economica
 Vai alla collana: I Narratori
 Suggerisci il libro
      a un amico