Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
26 aprile 2019
In Universale Economica
La Cina è vicina: il blog di Giorgio Bettinelli
Oh come vola il vento... 12 agosto 2008


Oh come vola il vento del tempo che vola tra i capelli, col vento! Adesso è tempo di rimboccarsi le maniche e lasciare tracce o una striscia di lumaca, per cosa non so; adesso è tempo di smetterla di ascoltare il vento e il tempo, e darsi da fare come cristo comanda di darsi da fare. Per cosa non so, ma so che può essere solo questo per me, adesso: questo smettere di ascoltare il vento adesso col vento di fuori che ulula e muggisce e mi da pace; adesso col tempo che sembra volgere al buono nel vento del vento che ha voglia di sapere.
Giorgio
 
I vostri commenti
Il commento di umberto 2 settembre 2011


giorgio bettinelli e' uno spirito-guida


 
Il commento di piero casati 15 gennaio 2011


Piu' o meno della stessa generazione,sto leggendo i libri di Giorgio.Vai Giorgio vai sempre piu' avanti,senza paura,senza fermarti


 
Il commento di lia 2 marzo 2010


Caro giorgio per me sei sempre vivo e se vado a bali è per esclusivo merito tuo e camminerò come e dove sei andato tu. i tuoi libri li regalo a tutti perchè possano viaggiare portandoti nel cuore come il miglior compagno amico di vita. ti ho sempre voluto un mondo di bene. lia


 
Il commento di Dr.Vespa 13 ottobre 2009


......."e via sino a sentire il freddo che mi impietrisce le guance e lo scorrervi delle lacrime ghiacciate".Credo che lo stesso comportamento vada tenuto nella vita,sempre avanti senza qualcuno che ti dice fai questo o quello e sempre e comunque nel pieno rispetto della vita e delle tradizioni altrui. GIORGIO,è un insegnamento che non ci hai imposto ma che ci hai lasciato,è un monito per tutti quelli che non vanno dove vogliono le ruote ma dove li porta il poco tempo a disposizione,e anche se i baffi cresceranno all'incontrario prima o poi ci faremo l'abitudine ma orgogliosi di sentire il "cronc-cronc" delle nostre marce che ci porteranno dove vuole il tempo e il cuore.Sono nato e cresciuto in vespa continuerò a viaggiare e come da abitudine ogni volta che arrivo in un nuovo paese cerco solo una vespa per i miei spostamenti e a TE dedico ogni scatto sui 1000.Arrivederci GRANDE UOMO e grazie per avermi fatto capire che non sono i mezzi che ti danno la felicità ma sono i sogni.Yeahhh.


 
Il commento di roberto 2 settembre 2009


conosciuto su una terrazza di un ristorante di Katmandu durante l'agosto del 2000. La sua vespa parcheggiata sotto, su cui io e i miei amici ci siamo fotografati. Quella foto è il mio segnalibro da inserire nei suoi libri.


 
Il commento di Giorgio 15 giugno 2009


Non ho avuto il piacere di conoscerti.... ma posso solo costatare che 6 stato e sarai x sempre un grande! Sappi che sto facendo una tesina di esami 2009 con base La VESPA DI Giorgio Bettinelli! ;) buona fortuna!!! bye bye


 
Il commento di Teo 28 aprile 2009


Graze a Giorgio con le sue parole ho scoperto alla mia giovane età di 19 anni cosa voldire viagiare in libertà in modo spartano non avendo alcun pregiudizio verso gli Altri. Inoltre grazie alle sue parole mentre leggevo il suo primo libro "In Vespa" assaporavo l'odore della strada che lui descriveva argomentando in un modo originale ma semplice.Girgio sei in tutti noi che crediamo ancora che viaggire significa imparare e imparare vuole dire coglire tuttel sfumature che colorano il nostro mondo. Da futuro viaggiatore ti saluto... CIAO GIORGIO....


 
Il commento di Omero Sereni ( OMAR) 15 dicembre 2008


Caro Giorgio di questo ultimo viaggio non scriverai niente ma siamo sicuri che ammirerai tutto con cuore libero di chi tale si sente quando si è soli con Lei davanti ad una strada interminabile.Che il soffio del vento ti scompigli i capelli facendoti provare un ultima volta il senso di quella libertà che avevi trovato e che ci hai insegnato ad amare. Arrivederci Grande Viagiatore


 
Il commento di enrico 13 novembre 2008


L'ho scoperto per caso, solo perche adoro la vespa, e per me e dýventato un po' come un ýdolo da seguire e imitare, ma ovviamente non ho mai fatto un solo viaggio in vespa. Spero tu stia dove meriti, Giorgio, dispiace solo che nessuno maý ti abbia dato lo spazio che meritavi, perche' avresti potuto ýnsegnare tanto e dare messaggi come nessuno mai. Chissa' se scrýverai un libro anche su questo viaggio...buon viaggio


 
Il commento di stefano 25 ottobre 2008


Apprendo ora della tua morte, provo grande solitudine. See ya up the road.


 
Il commento di walter castracane 19 settembre 2008


Apprendo per caso la notizia della scomparsa di Giorgio. Ho scoperto per caso questo straordinario scrittore di straordinaria umanità, un anno fa per caso in libreria,dopo aver acquistato una vespa pochi giorni prima. Giogio mi ha aiutato a sognare, mi ha fatto visitare territori sconosciuti, luoghi reali e luoghi dell'anima. Ciao, Giorgio non ti ho mai conosciuto di persona, ma non ti dimenticherò...


 
Il commento di Gi per An 21 agosto 2008


Ciao Antonio, no so se tu sia ancora ad Amristar, e comunque buon Golden Temple e buonissimo giro del mondo. Giorgio


 
Il commento di giorgio per ivan 21 agosto 2008


Anche a te e a lei, Ivan, buona vita. Da parte di lei taiwanina e di me col naso spaccato. Giorgio


 
Il commento di Marco 15 agosto 2008


scusa mi sono dimenticato di darti le coordinate: arriverò circa il 17/18 (ora sono a Guilin con mamma e papà, domani loro ripartono per l'Italia e io torno in Yunnan e poi sud verso l'australia) e il mio numero cinese è 13483381809... ti prego fatti sentire, DEVO INCONTRARTI!


 
Il commento di Marco 15 agosto 2008


Hey Giorgio qui Marco ci eravamo sentiti tempo fa, a giorni sarò a Jinghong, voglio incontrarti se sei lì. Vengo a cercarti, ma fammi sapere se sei tornato!!! A presto


 
Il commento di giorgio per giorgio 14 agosto 2008


Oh Giorgio, Giorgio: non saprai mai quante lacrime non silenziose e urlanti nel silenzio di Ktv e Karaoke intorno mi hai fatto piangere questa sera, inaspettato regalo; e Ya Pei premeva le sue guance alle mie rigate di lacrime, e mi consolava come po' fsrlo soltanto una persona che ti ama. Io continuavo a piangere, e ricordavo le ripicche, e i rimproveri, e le stupidaggini di testa e ribellione fatte nei confronti di mio padre: quando si pensa che tutti ci siano per sempre e' cosi' facile infierire, e ferire, e sentirsi adulti quando ancora si e' ragazzini. Ma poi arivano il 2 di novembre e il 31 di gennaio, due date simboliche; e allora forse si comincia a crescere. Grazie Giorgio, grazie davvero; e un abbraccio tra lacrime ululanti.


 
Il commento di Giorgio 14 agosto 2008


Avrei voluto magari scrivere qualche riga in più, ma 750 lettere sono il limite. Se ti troverai a passare per l'Italia, fai un fischio, io spero di essere qui. Giorgio


 
Il commento di Giorgio 14 agosto 2008


Qualche giorno fa il tuo nuovo libro, non ho dubbi, lo compro, a 10 anni dal primo e con in mezzo una valanga di km tuoi. E a pagina 19, come gli anni che avevo quando la mia Vespa mi ha portato in giro per l’Italia la prima volta, mi fermo su una frase, una semplice frase in mezzo alla pagina. Piango lacrime silenziose, pensando a mio padre che anche lui ha navigato una vita in giro per il mondo e conosciuto tanti posti come te ed è mancato guarda caso in una data simbolo. Il 31 dicembre 2007, ultimo giorno dell'anno, metafora della vita che termina. E non c’è più caso del caso, che anch'io mi chiamo Giorgio e mio padre si chiamava Hermes... Buona strada e buona vita omonimo lontano che inconsapevolmente mi ha tenuto così tanta compagnia!


 
Il commento di Ivan Bg 12 agosto 2008


Foto fantastica, di quelle che noi fan tuoi ora useremo come segnalibrituoi, sorriso spensierato e capelloni da coservare, una ciocca, in una busta. L'avresti mai detto a quell'età, con quegli occhi, che saresti diventato tu ora quello che sei e con quello che hai fatto? ola and take it easy. Good life Ivan.


 
Il commento di Antonio 12 agosto 2008


Ciao Giorgio, questo luogo dove mi trovo ora, Amnistar, e' un buon posto per scrivere ad un buon amico che non mi conosce o quasi..incontratoci solo quella fredda sera di giugno nel chiostro di sant agostino in Crema.. di tutte le mille domande in testa da farti sono solo riuscito a chiederti del tuo prezioso san cristoforo,al tuo collo dal lontano 1998..beh grazie anche a te ma soprattutto a te dopo 10 anni di metalmeccanico ho trovato la forza di licenziarmi..il 4 ottobre da buenos aires comincero' il mio giro del mondo con zaino in spalla..grazie ancora Giorgio..per te sara' sempre massima stima!! se posso, il tuo amico Antonio di Magreglio(como)...ciao!!!


 
 La Cina è vicina: il blog di Giorgio Bettinelli
 Lascia un messaggio in ricordo di Giorgio Bettinelli
 Yu Italy?
 jinghong- tibet 45 euro one way...
 Oh come vola il vento...
 Settembre 2008
 Agosto 2008
 Luglio 2008
 Giugno 2008
 Aprile 2008
 Marzo 2008
 Febbraio 2008
 Gennaio 2008
 Dicembre 2007
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Maggio 2007
 Marzo 2007
 Dicembre 2006
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Settembre 2006
 Agosto 2006
 Luglio 2006
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Novembre 2005
 Settembre 2005
 Agosto 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Aprile 2005
 Dicembre 2004
 Novembre 2004
 Settembre 2004
 Agosto 2004
 Luglio 2004
copertina

La Cina in Vespa
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Giorgio Bettinelli