Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
24 novembre 2017
In Universale Economica
Guido Piccoli: Non solo massacri, please!
Questo non è proprio il migliore dei mondi. Ma può anche peggiorare. Capire la deriva può servire a fermarla.
Dopo le escort è arrivato il tempo degli eroi 20 settembre 2009


Sarà tutto come da copione ma mi fa schifo lo stesso. Per fortuna non ho vissuto nella Bulgaria o nel Cile di un passato vicino ma in questi giorni, soprattutto ma non solo, mi sembra di stare in una Bulgaria o in un Cile appena più ricco e raffinato. Sono i giorni del lutto, delle commemorazioni, dei dibattiti a senso unico nei quali al solito menù di santi e saltimbanchi, magnaccia e grandi truffatori, giustizieri della notte, leccaculi e puttane (pardon, escort) si propone come eccezionale piatto del giorno quello degli eroi. L’Italia è servita. La “missione di pace” ha fatto sei morti e da questo evento, sorprendente solo per tutti coloro che credevano alle balle rassicuranti sparse da destra e manca, si sono aperte le danze, senza alcun rispetto per vedove e orfani, spesso forzatamente ingaggiati nello show, riempiti adesso di abbracci viscidi per essere dimenticati domani a luci spente come è sempre avvenuto (se si dubita, informarsi presso i parenti dei soldati morti per l’uranio impoverito nel Kossovo). Nella grande kermesse ipocrita non possono mancare (se non ci fossero, li si inventerebbe) coloro che brindano, che sostengono di godere, che scrivono sui muri “6 in meno”. Imbecilli utili a confermare che il nemico è dappertutto, anche dentro di noi, invisibile come l’antrace, l’aviaria, la suina e tutti i moderni ritrovati della nouvelle cousine della paura. Se avessi tempo e stomaco e schermi per seguire gli innumerevoli canali che propongono il “pensiero unico”, da quelli più importanti agli altri minori, potrei elencare perle di ipocrisia. Nel veloce zapping, alla ricerca di qualcosa d'altro da vedere, ne scopro alcune (una pochi minuti fa: “siamo diventati tutti più americani” detta da un giovanotto in giacca e cravatta, sorridente e con un taglio da marine), ma non credo siano significative. Elenco alcune cose più fastidiose. Ad esempio, gli esperti di esteri (giornalisti, analisti, consulenti vari) che fanno finta di scoprire una realtà che negli anni scorsi, perfino nelle settimane scorse, nascondevano allegramente: tipo che i Talebani non sono tanto isolati dalla popolazione, che i Signori della Guerra alleati dell’Occidente sono forse peggio, che l’Occidente, con le sue bombe, non ha conquistato per niente “la mente e i cuori della popolazione”. Sono gli stessi che raccontavano balle, dalle loro scrivanie romane o in viaggio da embedded, in Irak per poi accorgersi, quando era impossibile nasconderlo, che forse le cose non stavano esattamente così. E nessuno chiede loro il conto per tante bugie e tante stupidaggini. In quel gruppo di creativi velinari, ci sono alcune eccezioni, ma non sono gradite e di norma non sono invitate negli show a diffusione di massa (uno per tutti, Emanuele Giordana, esperto e innamorato dell’Afghanistan). E ci sono anche lodevoli eccezioni tra i militari come, ad esempio, il generale Fabio Mini, già Capo di Stato maggiore del Comando Nato delle Forze alleate sud Europa (quindi non esattamente un no-global) che sostiene di non sapere cosa stia lì a fare il contingente italiano (“la mancata presa di posizione dei vertici militari porta i soldati a perdere la vita senza un perché”). Onesto. In questi frangenti, ma in genere in questa Italia, ci si accontenta dell’onestà intellettuale che non conosce spesso colore politico (un Montanelli, un Borsellino e- azzardo- un Fini che sono stati o sono, chi più e chi meno, chi in un ruolo chi in un altro, coerenti a sé stessi e ad alcuni loro valori, sono apparsi e appaiono, in una realtà dominata dall’ipocrisia omologante, delle “mosche bianche”). Un’altra cosa fastidiosa è quel lutto da appiccicarci addosso per un senso di appartenenza che dovrebbe far dimenticare tutto il resto. Io non stappo bottiglie per i sei morti. Non ho brindato nemmeno quand’è crepato un tipo come Pinochet. Posso immaginare il dolore dei loro parenti, che non amo spiare come mi invita la Tv, mielosa e pelosa, 24 ore al giorno. Detto questo, basta. Mi vengono da pensare tante cose. Primo, che quando si va consapevolmente, da volontari, a fare la guerra si sa, si dovrebbe sapere, che oltre ad ammazzare si può essere ammazzati. Secondo, che sebbene ci siano più vicini in quanto italiani, le loro vite non valgono di più di quelle dei civili afgani, ad esempio dei bambini uccisi dagli allegri bombardamenti della Nato: umani che a differenza dei soldati non avevano scelto di indossare una divisa e imbracciare un mitra. E le cui storie, le cui sofferenze noi non sapremo mai. Mi nausea questo can-can che santifica gli uni e dimentica tutte gli altri, le altre vittime e in generale gli orrori della guerra. E poi, una considerazione diciamo di stile e una conseguente domanda. Senza andare tanto lontano, in Francia o in Spagna, il cocktail istituzioni-politica-informazione-religione inscena gli stessi show in occasione di eventi simili? Eventi che, siate sicuri, si moltiplicheranno. A salvarci la pelle nelle nostre avventure per il mondo non c’è più l’astuta diplomazia andreottiana. Adesso contiamo sul patetico Frattini. E, da ministro ombra, su Fassino. Più ombra di così….
 
Lascia un commento


 
Saviano su ETA e FARC, tra reality, fantasy e idiozie 2 settembre 2009


Italia, protesta per la libertà di stampa ma anche per liberarci dal conformismo informativo!
 
Continua | Commenti lasciati: 8 | Lascia un commento


 
Le verità di Gaza 17 gennaio 2009


Abraham Yehoushua, parole da disprezzare
 
Continua | Commenti lasciati: 9 | Lascia un commento


 
Israele lotta contro il terrorismo, non massacra consapevolmente civili e non va boicottata la sua economia. 15 gennaio 2009


Pensare diversamente è antisemitismo
 
Continua | Commenti lasciati: 1 | Lascia un commento


 
 Guido Piccoli: Non solo massacri, please!
 Dopo le escort è arrivato il tempo degli eroi
 Saviano su ETA e FARC, tra reality, fantasy e idiozie
 Le verità di Gaza
 Israele lotta contro il terrorismo, non massacra consapevolmente civili e non va boicottata la sua economia.
 Settembre 2009
 Gennaio 2009
 Dicembre 2008
 Novembre 2008
 Giugno 2008
 Maggio 2008
 Marzo 2008
 Gennaio 2008
 Dicembre 2007
 Novembre 2007
 Agosto 2007
 Giugno 2007
 Maggio 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
 Dicembre 2006
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Settembre 2006
 Luglio 2006
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Aprile 2006
 Marzo 2006
 Febbraio 2006
 Gennaio 2006
 Dicembre 2005
 Novembre 2005
 Ottobre 2005
 Settembre 2005
 Agosto 2005
 Luglio 2005
 Giugno 2005
 Aprile 2005
 Marzo 2005
 Febbraio 2005
 Gennaio 2005
 Dicembre 2004
 Novembre 2004
 Settembre 2004
 Agosto 2004
 Luglio 2004
 Giugno 2004
 Maggio 2004
 Aprile 2004
 Marzo 2004
 Febbraio 2004
 Gennaio 2004
 guerra privata
 personal-politico
copertina

Colombia, il paese dell'eccesso
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Guido Piccoli