Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
21 novembre 2017
In Universale Economica
Arabi Visibili: il blog di Paola Caridi
Diario di una mediterranea dagli occhi azzurri e dei suoi incontri nei suq, tra web e limonate alla menta.
Gli Arabi Invisibili in piazza! 27 gennaio 2011


Il terzo giorno della rivolta del Cairo dice che nulla sarà uguale a prima, dopo il 25 gennaio e l'inizio della rivolta egiziana. La borsa sta calando paurosamente, ci sono circa mille arresti, i ragazzi sono stati portati in tribunale per essere processati per direttissima. E per il 27 gennaio, venerdì, si prevedono grandi manifestazioni. La richiesta, che gira sulla rete, è per un milione di persone in piazza all'una di venerdì, dopo la grande preghiera.

Guardo ciò che succede attraverso il mio fedele computer, e vedo i miei Arabi Invisibili in piazza. La teoria di ragazzi, blogger, disoccupati, operai, attori, giornalisti, imprenditori, ragazzi disperati, ragazzi espulsi dallo sviluppo... Invisibili, ai turisti che vanno a Sharm così come agli impenetrabili ministeri degli esteri occidentali che hanno sostenuto le autocrazie arabe contro il pericolo islamista. Ora, sguarnite, guardano le piazze come se si fossero svegliati ora. Eppure, gli invisibili c'erano anche prima, ed erano invisibili solo perché non li avevamo voluti vedere.

In parallelo con quello che è successo in Tunisia, va in onda al Cairo, a Suez, a Mansoura un fenomeno che prima o poi dovremo studiare. La capacità di scendere in piazza nonostante non vi siano i sindacati, i partiti di massa…

L’opposizione politica egiziana è stata in questi ultimi anni decimata. I Fratelli Musulmani hanno subito costantemente retate di militanti e arresti di leader (soprattutto quelli pragmatici). I partiti rappresentati in parlamento sono spesso l’ombra di se stessi, organismi che non riescono ad avere contatto con il consenso reale. L’unico che gode ancora di un’organizzazione diffusa è lo NDP dei Mubarak. Il resto sembra magmatico: una tendenza, un sentimento, un flusso che si divide nei movimenti su Facebook (come il ’6 aprile’), nel cartello che appoggia Mohammed el Baradei, in ciò che resta del cartello d’opposizione di Kifaya. Divisi, eppure uniti dallo stesso desiderio, e soprattutto dalla stessa urgenza di riportare democrazia in Egitto. E’ anche di questo humus che si nutre la piazza, e il consenso di cui la piazza gode.

E’ un quadro decisamente diverso, questo, dal quadro che qualcuno sta raccontando in Italia. Il regime di Hosni Mubarak non è moderato da molto tempo, soprattutto con i cittadini di uno Stato che vorrebbero essere cittadini e che invece si sentono sudditi. Paradossalmente, questa realtà passa inosservata, come se non esistesse nelle università, nelle scuole, nelle strade, nei quartieri, negli ospedali del Cairo. La frattura tra il regime e i suoi cittadini è talmente ampio che rischia di non essere più sanabile. Anzi, non lo è più da tempo.

E allora pongo una domanda banale: cos’hanno di meno questi ragazzi del Cairo da quelli di Teheran? Hanno lo stesso valore, la stessa dignità, oppure valore e dignità si misurano a seconda della convenienza e delle alleanze delle nostre cancellerie? Mubarak non è Ahmadinejad, e dunque i ragazzi del Cairo non hanno lo stesso valore. Questo sembra l’assunto, leggendo alcune interpretazioni di quello che sta succedendo in Egitto. Meglio che l’Egitto non cada. Lo sento ripetere da tanti anni. Se avessimo pensato prima a rafforzare la democrazia egiziana, invece che puntellare un palazzo con seri problemi di stabilità strutturale, forse non dovremmo discutere ora cosa sia meglio per noi. E non per l’Egitto degli egiziani. Dei camerieri di Sharm, dei venditori di souvenir di Assuan, delle guide del Cairo…

Nulla sarà come prima. Nulla, in Egitto, sarà come prima del 25 gennaio. E se così è, come ben sa chi si occupa della regione, nulla sarà come prima in tutto il mondo arabo. Perché tutto, nel mondo arabo, comincia al Cairo. Se n’è accorto il Dipartimento di Stato americano? Ce ne siamo accorti noi?

Per seguire gli Arabi Invisibili, il blog di Paola Caridi è invisiblearabs.com
 
Lascia un commento


 
Viva la web-rivoluzione tunisina! 15 gennaio 2011


Da Jan Palach a Mohammed Bouazizi, il filo rosso che lega i dissensi
 
Continua | Lascia un commento


 
Fuori dai sotterranei (italiani) 23 novembre 2010


Breve incursione nel Belpaese di una italiana all'estero. Dopo Vieniviaconme, terza puntata
 
Continua | Lascia un commento


 
UN SILENZIO TROPPO RUMOROSO 9 luglio 2010


Perché oggi sciopero (come giornalista virtuale), tappandomi la bocca
 
Continua | Lascia un commento


 
 Arabi Visibili: il blog di Paola Caridi
 Gli Arabi Invisibili in piazza!
 Viva la web-rivoluzione tunisina!
 Fuori dai sotterranei (italiani)
 UN SILENZIO TROPPO RUMOROSO
 Gennaio 2011
 Novembre 2010
 Luglio 2010
 Marzo 2010
 Dicembre 2009
 Novembre 2009
 Ottobre 2009
 Settembre 2009
 Luglio 2009
 Giugno 2009
 Maggio 2009
 Aprile 2009
 Marzo 2009
 Febbraio 2009
 Gennaio 2009
 Dicembre 2008
 Ottobre 2008
 Settembre 2008
 Agosto 2008
 Luglio 2008
 Giugno 2008
 Maggio 2008
 Marzo 2008
 Febbraio 2008
 Gennaio 2008
 Dicembre 2007
 Novembre 2007
 Ottobre 2007
 Settembre 2007
 Agosto 2007
 Luglio 2007
 Giugno 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Febbraio 2007
 Gennaio 2007
copertina

Hamas
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Paola Caridi