Cosa c'è di nuovo Tutte le informazioni sugli scrittori Gli autori raccontano Approfondimenti, notizie e libri Appuntamenti con gli autori L'arte del web e i libri La sezione Feltrinelli Digital Le classifiche dei più cliccati e dei più venduti I Blog dei nostri autori Feltrinelli Podcast


Risultati: in rosso i libri; in nero gli autori
20 luglio 2017
In Universale Economica
Come Alberto Rollo, il signor Feltrinelli ed io cambieremo il mondo: il blog di Paolo Cioni
Un manuale in progress per svegliarsi dall'ipnosi e costruirsi un ego grande come l'Hotel Ritz.
Strumenti musicali e penne stilografiche 17 maggio 2007


Ieri ho visto un ragazzo che provava far entrare un contrabbasso in una Smart.
Così ho pensato a quanto possa essere eroica la vita ma soprattutto ho cominciato a pensare a tutti gli strumenti musicali del mondo. Mi è venuto in mente che una volta ho visto un ragazzo di colore suonare una tromba seduto sul parapetto del Malecon, a Cuba. L'ho anche fotografato. L'inverno scorso ho incrociato Andy White per strada, nel nord della Francia - e abbiamo preso un birra insieme e lui aveva con sé la sua chitarra. Qualcuno se lo ricorda Andy White?

Ho visto Petrucciani, poco prima che morisse, posare le mani sul pianoforte come se fossero farfalle. Poi ho visto un uomo di settant'anni che suonava un sax, in una piazzola dell'autostrada dei fiori, in una di quelle vallate a strapiombo sul mare che si aprono all'improvviso fra Savona e Ventimiglia. Mi dava le spalle, stava suonando per il mare.

Il primo violino che ho sentito suonare era di una ragazza che faceva il Conservatorio e prendeva l'autobus ogni mattina con me. Mi ricordo che quando le ho chiesto di suonare è bastato un tocco dell'archetto sulle corde per riempire tutta la linea extra-urbana Noceto-Parma di una nota musicale prolungata.
Ho visto anche Lee Konitz. E mentre suonava mi sono ricordato che da qualche parte Kerouak in 'Vision of Cody' parlava di lui, e la sera a casa ho trovato la pagina in cui racconta di averlo seguito, da Mid-Town Manhattan fino al Manny’s, un negozio di strumenti musicali frequentato da jazzisti e hipster, abbandonandosi ai suoi sogni. Voleva scrivere come Konitz soffiava nel suo sax, come Monk cercava i tasti su un pianoforte.

Infine: ho pensato che la musica forse è già dentro agli strumenti, e che magari basta imparare a tirarla fuori. Tutto qui.
Che i romanzi siano già dentro le penne stilografiche?
 
Commenti lasciati: 2 | Lascia un commento


 
Assenze alla Ernest Hemingway 13 aprile 2007


Non è che non scrivo sul blog
 
Continua | Lascia un commento


 
Il rock'n'roll e il test di Slocum 1 marzo 2007


10 secondi per rispondere
 
Continua | Lascia un commento


 
Giù le mani dai Buffalo Springfield. 2 gennaio 2007


i creativi della pubblicità e le loro improbabili creazioni
 
Continua | Commenti lasciati: 3 | Lascia un commento


 
 Come Alberto Rollo, il signor Feltrinelli ed io cambieremo il mondo: il blog di Paolo Cioni
 Strumenti musicali e penne stilografiche
 Assenze alla Ernest Hemingway
 Il rock'n'roll e il test di Slocum
 Giù le mani dai Buffalo Springfield.
 Maggio 2007
 Aprile 2007
 Marzo 2007
 Gennaio 2007
 Dicembre 2006
 Novembre 2006
 Ottobre 2006
 Settembre 2006
 Agosto 2006
 Luglio 2006
 Giugno 2006
 Maggio 2006
 Manuale in progress
 appunti e illuminazioni
copertina

Ovunque e al mio fianco
Compra su lafeltrinelli.it
 La scheda autore di Paolo Cioni